MERCOLEDI DELLA XXIX SETTIMANA DEL TEMPO PER ANNUM
VESPRI

V    Il Signore sia con voi.
R    E con il tuo spirito.

Se non presiede un sacerdote o un diacono:

V    Signore, ascolta la nostra preghiera.
R    E il nostro grido giunga fino a te.

RITO DELLA LUCE

Cfr. Sap 17, 19a; 18, 1a. 4a

      La tua raggiante luce
      rischiara l’universo.
           Si allietano i tuoi figli
           al gioioso splendore.

V   Ma tenebroso carcere hanno in sorte
      gli oppressori dei santi.
           Si allietano i tuoi figli
           al gioioso splendore.

      La tua raggiante luce
      rischiara l’universo.
           Si allietano i tuoi figli
           al gioioso splendore.

INNO

Rapido il tempo è fuggito
e il giorno volge al tramonto,
l'ultima luce del vespero
annuncia imminente la notte.

Il segno della croce
difenda i nostri cuori
perché varco non trovi
la venefica serpe.

Libera e attenta, l'anima
non si lasci sorprendere:
la vita sobria e casta
vinca il nemico maligno.

Ascolta, o Padre, la nostra preghiera
per Gesù Cristo Signore,
che regna con te nei secoli
e con lo Spirito santo.   Amen.

SALMODIA

Salmo 26, 1-6

Fiducia nei pericoli

Ecco la dimora di Dio con gli uomini (Ap 21, 3).

Ant. 1   Il Signore è mia luce e mia salvezza: *
             di chi avrò timore?

Il Signore è mia luce e mia salvezza, *
     di chi avrò timore?
Il Signore è difesa della mia vita, *
     di chi avrò terrore?

Quando mi assalgono i malvagi *
     per straziarmi la carne,
sono essi, avversari e nemici, *
     a inciampare e cadere.

Se contro di me si accampa un esercito, *
     il mio cuore non teme;
se contro di me divampa la battaglia, *
     anche allora ho fiducia.

Una cosa ho chiesto al Signore,
          questa sola io cerco: *
     abitare nella casa del Signore
          tutti i giorni della mia vita,

per gustare la dolcezza del Signore *
     ed ammirare il suo santuario.

Egli mi offre un luogo di rifugio *
     nel giorno della sventura.
Mi nasconde nel segreto della sua dimora, *
     mi solleva sulla rupe.

E ora rialzo la testa *
     sui nemici che mi circondano;
immolerò nella sua casa sacrifici d’esultanza, *
     inni di gioia canterò al Signore.

Gloria.

Ant. 1   Il Signore è mia luce e mia salvezza: *
             di chi avrò timore?

Salmo 26, 7-14

Preghiera del giusto perseguitato

Alcuni si alzarono per testimoniare contro Gesù (Mc 14, 57).

Ant. 2   Tu sei il nostro aiuto, non abbandonarci; *
             non trascurarci, o Dio di salvezza.

Ascolta, Signore, la mia voce. *
     Io grido: abbi pietà di me! Rispondimi.
Di te ha detto il mio cuore:
          «Cercate il suo volto»; *
     il tuo volto, Signore, io cerco.

Non nascondermi il tuo volto, *
     non respingere con ira il tuo servo.
Sei tu il mio aiuto, non lasciarmi, *
     non abbandonarmi, Dio della mia salvezza.

Mio padre e mia madre mi hanno abbandonato, *
     ma il Signore mi ha raccolto.

Mostrami, Signore, la tua via, †
     guidami sul retto cammino, *
     a causa dei miei nemici.

Non espormi alla brama dei miei avversari; †
     contro di me sono insorti falsi testimoni *
     che spirano violenza.

Sono certo di contemplare la bontà del Signore *
     nella terra dei viventi.
Spera nel Signore, sii forte, *
     si rinfranchi il tuo cuore e spera nel Signore.

Gloria.

Ant. 2   Tu sei il nostro aiuto, non abbandonarci; *
             non trascurarci, o Dio di salvezza.

PRIMA ORAZIONE

O Dio, rifugio di chi spera in te,
tu hai accolto nella dimora di gloria
il Figlio tuo unigenito
che nel giorno della prova ti ha invocato;
ai tuoi servi che, pur nell’angoscia,
fiduciosi ricercano la consolazione del tuo volto,
concedi di contemplare la tua bontà senza fine
nella terra dei viventi.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.

CANTICO DELLA BEATA VERGINE

Lc 1, 46-55

Esultanza dell'anima nel Signore

Sia in ciascuno l'anima di Maria a magnificare il Signore, sia in ciascuno lo spirito di Maria a esultare in Dio (S. Ambrogio).

Ant.   Ricordati, Signore, della tua misericordia.

L'anima mia magnifica il Signore *
     e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà  della sua serva. *
     D'ora in poi tutte le generazioni
          mi chiameranno beata. 

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
     e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *
     si stende su quelli che lo temono. 

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
     ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *
     ha innalzato gli umili; 

ha ricolmato di beni gli affamati, *
     ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *
     ricordandosi della sua misericordia, 

come aveva promesso ai nostri padri, *
     ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre. 

Gloria. 

L'anima mia magnifica il Signore.

Ant.   Ricordati, Signore, della tua misericordia.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

SECONDA ORAZIONE

Guarda benevolo, o Dio, in questo vespro
la nostra offerta di luce,
e il fuoco ardente della tua parola
rischiari e infiammi il cuore dei credenti.
Per Cristo nostro Signore.

COMMEMORAZIONE DEL BATTESIMO

Conserviamo la veste, di cui il Signore ci ha rivestito quanto siamo emersi dal sacro fonte. Se le nostre azioni non si commisurano a questa veste, essa presto si lacera (S. Ambrogio).

R   Agnello, che togli il peccato del mondo
      e il patto consacri per sempre nel sangue,
           Cristo, Pasqua divina,
           sale il cantico degli umili a te.

V   Nel fonte la sordida macchia è lavata,
      risplende la candida veste nuziale;
           al celeste convito
           entra il povero col Figlio del Re.

ORAZIONE

Ai figli che ti implorano
dona, o Padre di misericordia,
di assimilare nella fede il sacramento pasquale
e di attendere nella speranza
la gioia del tuo regno eterno.
Per Cristo nostro Signore.

INTERCESSIONI

Sia glorificato il nome di Dio Padre,
che circonda d’amore infinito
il popolo dei suoi eletti.
A lui rivolgiamo la nostra preghiera:

       Mostraci, Signore, la tua misericordia.

Ricordati del papa N.,
del nostro vescovo N. 
e di tutti i pastori della Chiesa:
     - confermali nella generosa dedizione
       al sacro ministero.

Manda operai nella tua messe,
     - perché tutte le genti
       riconoscano in te il solo vero Dio
       e in Gesù Cristo il Figlio che tu hai mandato.

Provvedi ai poveri della terra
     - il cibo, la casa
       e quanto è necessario alla vita.

Conforta gli oppressi dal dolore e dalla fatica;
     - fa’ che la loro dignità sia dai fratelli
       onorata e fattivamente soccorsa.

Abbi misericordia di coloro
che oggi hanno lasciato questa vita,
     - e accoglili nella pace del tuo regno.

Obbedienti al comando del Signore,
così ora invochiamo il Creatore di tutto:

Padre nostro.

CONCLUSIONE

Per la conclusione dei Vespri si danno due casi:
A) Se la celebrazione è presieduta da un sacerdote o da un diacono, la conclusione si fa col saluto e con la benedizione in questo modo:

V   Il Signore sia con voi.
R   E con il tuo spirito.
      Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison. 

V   Vi benedica Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito santo.
R   Amen. 

Si possono anche usare le forme di benedizione più solenni come è detto nel Messale.
Se si congeda l’assemblea, si aggiunge l’invito: 

V   Andiamo in pace.
R   Nel nome di Cristo.

B) Nella celebrazione individuale o quando non presiede un sacerdote o un diacono, si conclude con la formula seguente:

V   Il Signore ci benedica e ci custodisca.
R   Amen. 

oppure:
V   La santa Trinità ci salvi e ci benedica.
R   Amen.



©