LUNEDI DELLA III SETTIMANA DI QUARESIMA
VESPRI

V    Il Signore sia con voi.
R    E con il tuo spirito.

Se non presiede un sacerdote o un diacono:

V    Signore, ascolta la nostra preghiera.
R    E il nostro grido giunga fino a te.

RITO DELLA LUCE

Cfr. Sal 66, 2, 7b

      Abbi di noi misericordia, o Dio;
      la tua bontà ci aiuti.
           Su di noi risplenda il tuo volto, Signore.

V   Larga discenda e ci colmi di grazia
      la tua benedizione.
           Su di noi risplenda il tuo volto, Signore.

      Abbi di noi misericordia, o Dio;
      la tua bontà ci aiuti.
           Su di noi risplenda il tuo volto, Signore.

INNO

Cristo, che a nostra salvezza
disponi il santo digiuno,
vieni e conforta il tuo popolo
che celebra la Quaresima.

Ispira il pentimento,
poni sul labbro la supplica
che mitighi la giustizia
e muova il Padre al perdono.

La grazia tua ci liberi
dal passato colpevole
e un futuro innocente
pietosa a noi propizi.

L’annuo fervore ci doni,
purificando i cuori,
di tendere ancora una volta
alla beata Pasqua.

O Trinità, potente unico Dio,
l’universo ti adori
e, liberato dal male,
ti canti un cantico nuovo.   Amen.

SALMODIA

Salmo 122

Le nozze del Re

Due ciechi gridarono: «Signore, abbi pietà di noi, figlio di Davide» (Mt 20, 30).

Ant. 1   Tu che abiti i cieli, abbi pietà di noi.

A te levo i miei occhi, *
     a te che abiti nei cieli.

Ecco, come gli occhi dei servi
          alla mano dei loro padroni; *
     come gli occhi della schiava
          alla mano della sua padrona,

così i nostri occhi
          sono rivolti al Signore nostro Dio, *
     finché abbia pietà di noi.

Pietà di noi, Signore, pietà di noi, *
     già troppo ci hanno colmato di scherni,
noi siamo troppo sazi degli scherni dei gaudenti, *
     del disprezzo dei superbi.

Gloria.

Ant. 1   Tu che abiti i cieli, abbi pietà di noi.

Salmo 123

Il nostro aiuto è nel nome del Signore

Il Signore disse a Paolo: «Non avere paura, perché io sono con te» (At 18, 9-19).

Ant. 2   Il nostro aiuto è nel nome del Signore.

Se il Signore non fosse stato con noi,
          – lo dica Israele – †
     se il Signore non fosse stato con noi, *
     quando uomini ci assalirono,

ci avrebbero inghiottiti vivi, *
     nel furore della loro ira.

Le acque ci avrebbero travolti; †
     un torrente ci avrebbe sommersi, *
     ci avrebbero travolti acque impetuose.

Sia benedetto il Signore, *
     che non ci ha lasciati in preda ai loro denti.

Noi siamo stati liberati come un uccello *
     dal laccio dei cacciatori:
il laccio si è spezzato *
     e noi siamo scampati.

Il nostro aiuto è nel nome del Signore, *
     che ha fatto cielo e terra.

Gloria.

Ant. 2   Il nostro aiuto è nel nome del Signore.

PRIMA ORAZIONE

Mantieni i tuoi servi, o Padre santo,
nell’operosa attenzione del bene
e, confortandoli con gli aiuti della vita presente,
guidali con amore al dono eterno.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell'unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.

CANTICO DELLA BEATA VERGINE

Lc 1, 46-55

Esultanza dell'anima nel Signore

Sia in ciascuno l'anima di Maria a magnificare il Signore, sia in ciascuno lo spirito di Maria a esultare in Dio (S. Ambrogio).

Ant.   Tu sei ricco di misericordia e non trascuri
          chi afflitto ti invoca per il nome di tua Madre. *
          Noi gridiamo a te: Signore, abbi pietà,
          ricolmaci di gioia.

L'anima mia magnifica il Signore *
     e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà  della sua serva. *
     D'ora in poi tutte le generazioni
          mi chiameranno beata. 

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
     e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *
     si stende su quelli che lo temono. 

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
     ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *
     ha innalzato gli umili; 

ha ricolmato di beni gli affamati, *
     ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *
     ricordandosi della sua misericordia, 

come aveva promesso ai nostri padri, *
     ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre. 

Gloria. 

L'anima mia magnifica il Signore.

Ant.   Tu sei ricco di misericordia e non trascuri
          chi afflitto ti invoca per il nome di tua Madre. *
          Noi gridiamo a te: Signore, abbi pietà,
          ricolmaci di gioia.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

SECONDA ORAZIONE

Sostieni, o Dio, la fragilità del tuo popolo
con la pratica della penitenza;
fa’ che, fedeli a te, con l’aiuto del tuo amore,
cogliamo i frutti desiderati
della celebrazione pasquale.
Per Cristo nostro Signore.

COMMEMORAZIONE DEL BATTESIMO

Non possiamo ottenere la purificazione dalle colpe, se non per mezzo del mistero della Trinità (S. Cromazio).

R   Dove c’è fede, ivi c’è il sacramento,
      ivi dimora e cresce la santità.
           Col dono del battesimo ogni vecchiezza è vinta,
           in ogni età la gioventù fiorisce.

V   Nel corpo di Cristo, la Chiesa,
      rinasce il nostro spirito.
           Col dono del battesimo ogni vecchiezza è vinta,
           in ogni età la gioventù fiorisce.

ORAZIONE

I tuoi figli, rinnovati al fonte battesimale,
custodiscano con cuore fedele
la grazia dello Spirito santo
e ogni giorno la inverino nella vita
con opere di giustizia.
Per Cristo nostro Signore.

INTERCESSIONI

Fratelli, rivolgiamo l’animo nostro
a Gesù Redentore,
che ricerca coloro che si sono smarriti:

       Cristo Signore, abbi pietà di noi.

Hai dato te stesso per la Chiesa
e l’hai resa santa con la purificazione
per mezzo dell’acqua e della parola di vita;
     - rinnovala ogni giorno
       con la penitenza che dona salvezza.

Sei venuto nel mondo non per giudicarlo,
ma perché in te fosse salvo;
     - rendi i cristiani luce e sale della terra.

Ci hai insegnato a confidare
nella provvidenza del Padre;
     - dona il pane quotidiano
       a quanti sono nella necessità.

Hai suscitato speranza e letizia
nei cuori di Simeone e di Anna;
     - illumina l’esistenza degli anziani
       con il dono della tua pace.

Tu sei la risurrezione e la vita,
e chi vive e crede in te non morrà in eterno;
     - accogli nel tuo regno i fedeli defunti.

Imploriamo Dio, nostro Padre,
di accoglierci con la sua misericordia:

Padre nostro.

CONCLUSIONE

Per la conclusione dei Vespri si danno due casi:
A) Se la celebrazione è presieduta da un sacerdote o da un diacono, la conclusione si fa col saluto e con la benedizione in questo modo:

V   Il Signore sia con voi.
R   E con il tuo spirito.
      Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison. 

V   Vi benedica Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito santo.
R   Amen. 

Si possono anche usare le forme di benedizione più solenni come è detto nel Messale.
Se si congeda l’assemblea, si aggiunge l’invito: 

V   Andiamo in pace.
R   Nel nome di Cristo.

B) Nella celebrazione individuale o quando non presiede un sacerdote o un diacono, si conclude con la formula seguente:

V   Il Signore ci benedica e ci custodisca.
R   Amen. 

oppure:
V   La santa Trinità ci salvi e ci benedica.
R   Amen.



©