Svegliati, svegliati, o Sion,
metti le vesti più belle,
scuoti la polvere e alzati
santa Gerusalemme.

Ecco ti tolgo di mano il calice della vertigine.
La coppa della mia ira tu non berrai più.

Sciogli dal collo i legami e leva al cielo i tuoi occhi.
Schiava figlia di Sion io ti libererò.

Come son belli sui monti i piedi del messaggero.
Colui che annunzia la pace è messaggero di bene.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment