L’Evangeliario è il libro che contiene i brani del Vangelo da leggere durante la celebrazione eucaristica; viene usato in particolari messe solenni. Questo libro è portato solennemente dal diacono, durante la processione d’ingresso. Per sottolineare la sua importanza può essere preceduto da un ministro che porta il turibolo con l’incenso e da due ministri che portano i candelieri con i ceri accesi, i quali si dispongano ai due lati dell’ambone, durante la proclamazione del Vangelo.

L’Evangeliario si distingue dagli altri lezionari, perché è il simbolo di Cristo; per questo è confezionato con grande cura e arte; è arricchito e reso più solenne infatti da una preziosa copertina e nel suo interno si possono trovare miniature di ottima fattura che illustrano l’episodio narrato dalla pagina del Vangelo.

Poiché l’annunzio del Vangelo costituisce sempre l’apice della Liturgia della Parola, la tradizione liturgica sia orientale che occidentale ha sempre fatto una certa distinzione fra i libri delle letture. Il libro dei Vangeli veniva infatti preparato e ornato con la massima cura, ed era oggetto di venerazione più di ogni altro libro destinato alle letture (Introduzione al Lezionario, in Lezionario festivo 36).

 

di: don Remo Lupi
le parti arretrate le trovi nella sezione “approfondimenti” su www.liturgiagiovane.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment