Ogni cristiano è esposto alle tentazioni e sovente cade.
La Chiesa predica e pratica la penitenza perché i cristiani si convertano e tutti nel mondo vedano un segno di come ci si converte a Dio.
Il cammino della conversione è segnalato da una serie di atti importanti preceduti da un’attenta riflessione sulla propria vita alla luce della Parola di Dio e della propria coscienza.
Gli atti della conversione sono:
– l’esame di coscienza;
– 
l’impegno di non peccare più;
il pentimento sincero;
– 
la confessione delle colpe;
– 
la soddisfazione o riparazione;
– l’assoluzione del sacerdote.

DOMANDA DI PERDONO

Mio Dio, 
mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati,
perché peccando ho meritato i tuoi castighi,
e molto più perché ho offeso te,
infinitamente buono 
e degno di essere amato sopra ogni cosa.
Propongo col tuo santo aiuto di non offenderti mai più
e di fuggire le occasioni prossime di peccato.
Signore, misericordia, perdonami.

Padre santo,

come il figlio prodigo mi rivolgo alla tua misericordia:
«Ho peccato contro di te,
non son più degno d’esser chiamato tuo figlio».
Cristo Gesù, Salvatore del mondo,
che hai aperto al buon ladrone le porte del paradiso,
ricordati di me nel tuo regno.
Spirito Santo, sorgente di pace e d’amore,
fa’ che purificato da ogni colpa e riconciliato con il Padre
io cammini sempre come figlio della luce.

Signore Gesù,
che volesti esser chiamato amico dai peccatori,
per il mistero della tua morte e risurrezione
liberami dai miei peccati e donami la tua pace,
perché io porti frutti di carità,
di giustizia e di verità.

Assoluzione del sacerdote

Dio, Padre di misericordia,
che ha riconciliato a sé il mondo
nella morte e risurrezione del suo Figlio,
e ha effuso lo Spirito Santo
per la remissione dei peccati,
ti conceda, mediante il ministero della Chiesa,
il perdono e la pace.
E io ti assolvo dai tuoi peccati
nel nome del Padre e del Figlio
e dello Spirito Santo.

Il penitente risponde:

Amen.

ESAME DI COSCIENZA

1. Â«Amerai il Signore tuo Dio con tutto il cuore».
РLa mia vita ̬ orientata a Dio? Io amo come figlio?
– Mi lascio assorbire troppo dalle cose (denaro, lavoro…)?
– Credo nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo?
– Cerco di conoscere la dottrina della Chiesa?
РLa mia testimonianza ̬ coraggiosa e coerente?
– Prego mattino e sera? parlo sovente con Dio?
– Ho rispetto e amore per il nome di Dio, della Vergine e dei Santi?
– Santifico la festa?

2. Â«Amatevi gli uni gli altri, come io ho amato voi».
– Gli altri sono per me fratelli?
– In famiglia (come coniuge, genitore, figlio) contribuisco al bene degli altri?
– Do ai poveri, condivido i beni, difendo gli oppressi?
– Mi impegno nella comunità umana (città, mondo del lavoro, pace, moralità)?
– Come lavoratore o come datore di lavoro sono giusto, onesto, solidale nel lavoro?
– Esercito l’autorità o obbedisco con lealtà e rispetto?
– La mia sincerità e verità non cede a calunnie, menzogne?
– Ho attentato alla vita, all’onore, all’integrità delle persone? ne ho difeso l’innocenza?
– Ho rubato o danneggiato gli altri?
– Se ho ricevuto torti, so perdonare?

3. Â«Siate perfetti come il Padre»
– Qual è l’orientamento fondamentale della mia vita (preghiera, letture, passioni, dominio di me stesso)?
– Che uso faccio del tempo, delle forze, dei talenti?
– Accetto le prove e sofferenze della vita?
– Conservo casto e puro il mio corpo, i pensieri? do scandalo? rispetto la legge morale (nel matrimonio)?
– Agisco contro coscienza?
– Mi comporto sempre come libero figlio di Dio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment