SANTA LUCIA, VERGINE E MARTIRE

Memoria

Le parti mancanti del proprio sono prese dal comune dei martiri (per una vergine e martire)

Lucia subì il martirio a Siracusa probabilmente nella persecuzione di Diocleziano.
Dalla Sicilia il culto di questa vergine testimone di Cristo di diffuse ben presto nelle Chiese d’Italia, tanto che troviamo il suo nome iscritto sia nel Canone romano, sia nel Canone ambrosiano.

ALL'INGRESSO
Gal 2, 20

Con Cristo sono stato crocifisso
e non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me.
Vivo nella fede del Figlio di Dio,
che mi ha amato e ha dato sé stesso per me.

ALL’INIZIO DELL’ASSEMBLEA LITURGICA

Riempi di luce e di gioia il tuo popolo, o Dio,
perché l’intercessione della vergine e martire Lucia,
di cui festeggiamo la nascita al cielo,
ci ottenga di contemplare con i nostri occhi
la gloria che hai preparato ai tuoi santi.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

EZECHIELE
Ez 37, 15-22a

Lettura del profeta Ezechiele.

In quei giorni. Mi fu rivolta questa parola del Signore: «Figlio dell’uomo, prendi un legno e scrivici sopra: “Giuda e i figli d’Israele uniti a lui”; poi prendi un altro legno e scrivici sopra: “Giuseppe, legno di Èfraim, e tutta la casa d’Israele unita a lui”. Accostali l’uno all’altro in modo da fare un legno solo, che formino una cosa sola nella tua mano. Quando i figli del tuo popolo ti diranno: “Ci vuoi spiegare che cosa significa questo per te?”, tu dirai loro: Così dice il Signore Dio: Ecco, io prendo il legno di Giuseppe, che è in mano a Èfraim, e le tribù d’Israele unite a lui, e lo metto sul legno di Giuda per farne un legno solo; diventeranno una cosa sola in mano mia.
Tieni in mano sotto i loro occhi i legni sui quali hai scritto e di’ loro: Così dice il Signore Dio: Ecco, io prenderò i figli d’Israele dalle nazioni fra le quali sono andati e li radunerò da ogni parte e li ricondurrò nella loro terra: farò di loro un solo popolo nella mia terra, sui monti d’Israele».

Parola di Dio.

SALMO
Sal 88 (89), 20-21. 23-24. 27-28

Benedetto il Signore in eterno.

Un tempo parlasti in visione ai tuoi fedeli, dicendo:
«Ho portato aiuto a un prode,
ho esaltato un eletto tra il mio popolo.
Ho trovato Davide, mio servo,
con il mio santo olio l’ho consacrato». R.

Su di lui non trionferà il nemico
né l’opprimerà l’uomo perverso.
Annienterò davanti a lui i suoi nemici
e colpirò quelli che lo odiano. R.

Egli mi invocherà: «Tu sei mio padre,
mio Dio e roccia della mia salvezza».
Io farò di lui il mio primogenito,
il più alto fra i re della terra. R.

PROFETI
Os 11, 7-11

Lettura del profeta Osea.

Così dice il Signore Dio: «Il mio popolo è duro a convertirsi:
chiamato a guardare in alto,
nessuno sa sollevare lo sguardo.
Come potrei abbandonarti, Èfraim,
come consegnarti ad altri, Israele?
Come potrei trattarti al pari di Adma,
ridurti allo stato di Seboìm?
Il mio cuore si commuove dentro di me,
il mio intimo freme di compassione.
Non darò sfogo all’ardore della mia ira,
non tornerò a distruggere Èfraim,
perché sono Dio e non uomo;
sono il Santo in mezzo a te
e non verrò da te nella mia ira.
Seguiranno il Signore
ed egli ruggirà come un leone:
quando ruggirà,
accorreranno i suoi figli dall’occidente,
accorreranno come uccelli dall’Egitto,
come colombe dall’Assiria
e li farò abitare nelle loro case».
Oracolo del Signore.

Parola di Dio.

CANTO AL VANGELO
Cfr. Lc 1, 70

Alleluia.
Giunge la salvezza promessa da Dio
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo.
Alleluia.

VANGELO
Mt 22, 23-33

Lettura del Vangelo secondo Matteo.

In quello stesso giorno vennero dal Signore Gesù alcuni sadducei – i quali dicono che non c’è risurrezione – e lo interrogarono: «Maestro, Mosè disse: Se uno muore senza figli, suo fratello ne sposerà la moglie e darà una discendenza al proprio fratello. Ora, c’erano tra noi sette fratelli; il primo, appena sposato, morì e, non avendo discendenza, lasciò la moglie a suo fratello. Così anche il secondo, e il terzo, fino al settimo. Alla fine, dopo tutti, morì la donna. Alla risurrezione, dunque, di quale dei sette lei sarà moglie? Poiché tutti l’hanno avuta in moglie». E Gesù rispose loro: «Vi ingannate, perché non conoscete le Scritture e neppure la potenza di Dio. Alla risurrezione infatti non si prende né moglie né marito, ma si è come angeli nel cielo. Quanto poi alla risurrezione dei morti, non avete letto quello che vi è stato detto da Dio: Io sono il Dio di Abramo, il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe? Non è il Dio dei morti, ma dei viventi!». La folla, udendo ciò, era stupita dal suo insegnamento.

Parola del Signore.

DOPO IL VANGELO

Cristo è tutto per noi:
se hai una ferita da curare, egli è medico;
se la febbre ti brucia, è acqua che ti rinfresca;
se cerchi il cibo, egli è Pane di vita:
Cristo è tutto per noi.

A CONCLUSIONE DELLA LITURGIA DELLA PAROLA

Donaci, o Padre, di seguire ogni giorno
il nostro Redentore senza esitazione e senza pigrizie;
e come la beata vergine Lucia trovò in lui la forza
di combattere e vincere la santa e dolorosa battaglia del martirio,
così ci sia concessa la grazia
di prepararci alla lotta e alla sofferenza
da veri discepoli di Cristo Signore,
che vive e regna nei secoli dei secoli.

SUI DONI

Il sacrificio di salvezza, o Dio,
santifichi la tua Chiesa,
che celebra la festa della beata Lucia,
e il martirio di questa tua figlia,
che nell’impeto di una fede generosa
si immolò come vittima pura,
avvalori la nostra offerta.
Per Cristo nostro Signore.

PREFAZIO

È veramente cosa buona e giusta,
renderti grazie, o Padre,
mentre celebriamo il giorno illuminato dal trionfo di santa Lucia
Con animo generoso questa sposa di Cristo
offrì la fedeltà del suo cuore e il suo sangue
e così meritò di raggiungere nella verginità la corona del martirio.
Amò con supremo amore il Signore Gesù,
il figlio innocente della Vergine madre,
e per lui custodì incontaminata
la castità del corpo e dello spirito.
Da questo unico affetto non la distolsero
né paure di tormenti né minacce di morte.
Lieti e ammirati della sua gloria,
con gli angeli e con tutti i santi
esaltiamo, o Padre, la tua potenza
e ti eleviamo senza fine l’inno di lode:
Santo…

ALLO SPEZZARE DEL PANE
Ct 8, 6

Ponimi come sigillo sul tuo cuore,
come sigillo sul tuo braccio;
perché tenace come la morte è l’amore.

ALLA COMUNIONE
Lc 12, 42

Tu appena cominci a cercarlo,
e Cristo ti è già vicino.
Non può sottrarsi a chi lo desidera,
lui che si è manifestato
a chi non lo attendeva;
poiché Cristo è amore.

DOPO LA COMUNIONE

Nel sangue che ci ha redento
rinnova, o Dio, la tua alleanza;
donaci di custodirla inviolata
sull’esempio della santa martire Lucia
e di aver parte con lei della tua gioia eterna
al convito delle vergini prudenti.
Per Cristo nostro Signore.