MARTEDI IN ALBIS
VESPRI

V    Il Signore sia con voi.
R    E con il tuo spirito.

Se non presiede un sacerdote o un diacono:

V    Signore, ascolta la nostra preghiera.
R    E il nostro grido giunga fino a te.

RITO DELLA LUCE

Cfr. Sap 17, 19a; 18, 1a. 4a

      La tua raggiante luce
      rischiara l’universo.
           Si allietano i tuoi figli
           al gioioso splendore.

V   Ma tenebroso carcere hanno in sorte
      gli oppressori dei santi.
           Si allietano i tuoi figli
           al gioioso splendore.

      La tua raggiante luce
      rischiara l’universo.
           Si allietano i tuoi figli
           al gioioso splendore.

INNO

Ecco mirabile il giorno di Dio,
radioso di santa luce!
Il sangue di Cristo ha deterso
i crimini del mondo.

La fiducia rivive,
l’occhio spento si illumina:
dopo il perdono al ladro
chi dovrà più disperare?

Un attimo di fede,
e la croce si muta nella gloria:
sul traguardo del regno
l’iniquo supera gli antichi giusti.

In cielo stupiscono gli angeli:
sull’infamante patibolo
si aggrappa a Cristo e sùbito
il condannato conquista la vita.

O mistero ineffabile!
una carne purifica
la contagiata carne
e toglie i peccati del mondo.

Ora non c’è di questa più sublime:
trova grazia il colpevole,
è vinta dall’amore ogni paura,
da morte sgorga la vita nuova.

La morte azzanni l’amo suo crudele,
s’impigli nella sua trappola:
se muore la Vita di tutti,
di tutti rinasce la vita.

Poi che tutti la morte avrà falciato,
tutti risorgeranno,
e l’ultima nostra nemica
sola sarà a perire.

A te che sei risorto
cantiamo la nostra lode
con il Padre e lo Spirito
nei secoli infiniti.   Amen.

RESPONSORIO

Cfr. Sal 106, 2

R   Cantiamo lode al Figlio di Dio,
      unico nostro Signore:
           egli è risorto e ci ha redenti.
           Alleluia.

V   Lo dicano i riscattati dal Signore,
      che egli ha liberato dalla mano del nemico:
           egli è risorto e ci ha redenti.
           Alleluia.

SALMODIA

Salmo 109, 1-5. 7

Il Messia re e sacerdote

Dio ha costituito Signore e Cristo quel Gesù che voi avete crocifisso (At 2, 36).

Ant. 1   È risorto come dal sonno il Signore. Alleluia.

Oracolo del Signore al mio Signore: *
     «Siedi alla mia destra,
finché io ponga i tuoi nemici *
     a sgabello dei tuoi piedi».

Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion: *
     «Domina in mezzo ai tuoi nemici.

A te il principato nel giorno della tua potenza *
     tra santi splendori;
dal seno dell’aurora, *
     come rugiada, io ti ho generato».

Il Signore ha giurato e non si pente: *
     «Tu sei sacerdote per sempre
          al modo di Melchisedek».

Il Signore è alla tua destra, *
     annienterà i re nel giorno della sua ira.
Lungo il cammino si disseta al torrente *
     e solleva alta la testa.

Gloria.

Ant. 1   È risorto come dal sonno il Signore. Alleluia.

Salmo 121

Saluto alla città santa di Gerusalemme

Voi vi siete accostati al monte Sion e alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste (Eb 12, 22).

Ant. 2   Alleluia, alleluia, alleluia.

Quale gioia, quando mi dissero: *
     «Andremo alla casa del Signore».
E ora i nostri piedi si fermano *
     alle tue porte, Gerusalemme!

Gerusalemme è costruita *
     come una città salda e compatta.

Là salgono insieme le tribù, le tribù del Signore, †
     secondo la legge di Israele, *
     per lodare il nome del Signore.

Là sono posti i seggi del giudizio, *
     i seggi della casa di Davide.

Domandate pace per Gerusalemme: *
     sia pace a coloro che ti amano,
sia pace sulle tue mura, *
     sicurezza nei tuoi baluardi.

Per i miei fratelli e i miei amici *
     io dirò: «Su di te sia pace!».
Per la casa del Signore nostro Dio, *
     chiederò per te il bene.

Gloria.

Ant. 2   Alleluia, alleluia, alleluia.

PRIMA ORAZIONE

Ascolta, Dio di misericordia, la nostra preghiera
e fa’ che celebriamo sempre
con interiore devozione
i sacramenti della nostra salvezza.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.

CANTICO DELLA BEATA VERGINE

Lc 1, 46-55

Esultanza dell'anima nel Signore

Sia in ciascuno l'anima di Maria a magnificare il Signore, sia in ciascuno lo spirito di Maria a esultare in Dio (S. Ambrogio).

Ant.   Alleluia. Il Signore è risorto, alleluia, *
          ed è apparso a Simone. Alleluia, alleluia.

L'anima mia magnifica il Signore *
     e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà  della sua serva. *
     D'ora in poi tutte le generazioni
          mi chiameranno beata. 

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
     e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *
     si stende su quelli che lo temono. 

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
     ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *
     ha innalzato gli umili; 

ha ricolmato di beni gli affamati, *
     ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *
     ricordandosi della sua misericordia, 

come aveva promesso ai nostri padri, *
     ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre. 

Gloria. 

L'anima mia magnifica il Signore.

Ant.   Alleluia. Il Signore è risorto, alleluia, *
          ed è apparso a Simone. Alleluia, alleluia.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

SECONDA ORAZIONE

Dio onnipotente ed eterno,
che hai redento il tuo popolo
con il sangue del tuo Figlio unigenito,
disperdi l’opera del demonio
e spezza le catene del peccato,
perché non sia più schiavo dell’autore della morte
chi nella professione della fede
ha ricevuto la vita eterna.
Per Cristo nostro Signore.

COMMEMORAZIONE DEL BATTESIMO

Camminando nella luce di questo giorno, esultiamo per la fede, allietandoci di una vita virtuosa, per meritare di conseguire la vita senza fine (S. Zeno).

R   Perì nell’onda il corpo di peccato,
      dalla morte dell’anima ci ridestò lo Spirito.
           Creature assetate nel deserto del mondo,
           saziamo a questa fonte la nostra arsura,
           dove lo Spirito santo l’ansia interiore placa.
           Alleluia.

V   L’acqua, il sangue, lo Spirito:
      ecco i doni di Cristo.
      L’acqua è sepolcro mistico;
      segno del sacrificio, rosseggia il sangue;
      lo Spirito agli uomini è dato, principio di vita.
           Creature assetate nel deserto del mondo,
           saziamo a questa fonte la nostra arsura,
           dove lo Spirito santo l’ansia interiore placa.
           Alleluia.

ORAZIONE

Stupendo fra tutti i segni della tua bontà
è questo prodigio, che fiorisce perenne nella Chiesa:
col battesimo moriamo alla vita del mondo
e risorgiamo alla grazia;
di qui sempre in noi si alimenti
una fede animosa e sincera,
un’obbedienza attenta ai tuoi comandi,
o Salvatore e Signore,
che vivi e regni nei secoli dei secoli.

INTERCESSIONI

Uniti in fraterna esultanza,
acclamiamo Cristo che è risorto e vive immortale.
Diciamo con fede:

       Re della gloria, ascolta la nostra preghiera.

Ti preghiamo per i vescovi, i presbiteri e i diaconi,
     perché promuovano nel popolo cristiano
       il senso di corresponsabilità
       al servizio del vangelo.

Ti preghiamo per i teologi e i catechisti,
     - perché servano la verità con purezza di spirito.

Ti preghiamo per tutti i membri del popolo di Dio,
     - perché combattano la pacifica battaglia della fede
       e ricevano il premio del tuo regno.

Tu che sulla croce
hai distrutto la sentenza della nostra condanna,
     - spezza le catene della schiavitù
       e liberaci dal male.

Tu che hai liberato dagli inferi
le anime dei giusti che attendevano la salvezza,
     - riunisci tutti i nostri defunti
       nella gioia del paradiso.

Invochiamo Dio, nostro Padre,
che sempre ci ascolta con cuore misericordioso:

Padre nostro.

CONCLUSIONE

Per la conclusione dei Vespri si danno due casi:
A) Se la celebrazione è presieduta da un sacerdote o da un diacono, la conclusione si fa col saluto e con la benedizione in questo modo:

V   Il Signore sia con voi.
R   E con il tuo spirito.
      Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison. 

V   Vi benedica Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito santo.
R   Amen. 

Si possono anche usare le forme di benedizione più solenni come è detto nel Messale.
Se si congeda l’assemblea, si aggiunge l’invito: 

V   Andiamo in pace.
R   Nel nome di Cristo.

B) Nella celebrazione individuale o quando non presiede un sacerdote o un diacono, si conclude con la formula seguente:

V   Il Signore ci benedica e ci custodisca.
R   Amen. 

oppure:
V   La santa Trinità ci salvi e ci benedica.
R   Amen.



©