SABATO DELLA IV SETTIMANA DI AVVENTO

UFFICIO DELLE LETTURE

V   O Dio, vieni a salvarmi.
R   Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria.

Alleluia.

Quando l'Ufficio delle letture si dice nelle ore notturne o nelle prime ore del mattino:

INNO

Il gallo annunzia il giorno,
chiama la nuova luce:
il Signore dei cuori
in questo canto ci dèsta alla vita,

e dice: «Su! Scuotete ogni torpore,
ogni pigrizia fugga,
in opere vegliate di giustizia:
vicino è il mio ritorno».

Quando l’alba rosseggia ad oriente,
intenti alla fatica
trovi i tuoi servi e ravvivi
la luminosa speranza.

O Figlio, nato prima d’ogni aurora,
col tuo vitale chiarore disperdi
l’ottenebrante sonno dello spirito;
la tua pietà ci sciolga da ogni male.

O Re d’amore, gloria
a te cantiamo e al Padre,
nell’unità del Paraclito
per la distesa dei secoli.   Amen.

Quando l'Ufficio delle letture si dice nelle ore del giorno:

INNO

Dio... cessò nel settimo giorno
da ogni suo lavoro (Gn 2, 2).


O misteriosa fonte dell’essere
che le bellezze del mondo hai creato
e hai dato fine all’opera
nella quiete del settimo giorno,

a te i solerti figli
pur nel riposo anelino
e nella vita innocente contemplino
la serena letizia del tuo volto.

O, se ingrati peccammo,
amaro pianto lavi il nostro errore,
sì che non ci impaùri, o Dio pietoso,
l’ora del tuo giudizio.

Accogli, Padre, la nostra preghiera
per Gesù Cristo che regna
con te e con lo Spirito santo
negli infiniti secoli.   Amen.

CANTICO DEI TRE GIOVANI

Cfr. Dn 3, 52-56
Ogni creatura lodi il Signore

Il Creatore… è benedetto nei secoli (Rm 1, 25).

Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri, *
     degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto il tuo nome glorioso e santo, *
     degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu nel tuo tempio santo glorioso, *
     degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu sul trono del tuo regno, *
     degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi †
     e siedi sui cherubini, *
     degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu nel firmamento del cielo, *
     degno di lode e di gloria nei secoli.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito santo, *
     degno di lode e di gloria nei secoli.

Come era nel principio e ora e sempre
     nei secoli dei secoli, amen, *
     degno di lode e di gloria nei secoli.

SALMODIA

Cantico Es 15, 1-4a. 8-13. 17-18

Inno di vittoria per il passaggio del Mare Rosso

Coloro che avevano vinto la bestia cantavano il cantico di Mosè, servo di Dio (Ap 15, 2-3).

Ant. 1   Come un argine si alzarono le onde, *
             si rappresero gli abissi in fondo al mare.

Voglio cantare in onore del Signore: †
     perché ha mirabilmente trionfato, *
     ha gettato in mare cavallo e cavaliere.

Mia forza e mio canto è il Signore, *
     egli mi ha salvato.
È il mio Dio e lo voglio lodare, *
     è il Dio di mio padre e lo voglio esaltare!

Dio è prode in guerra, *
     si chiama Signore.
I carri del faraone e il suo esercito *
     li ha gettati in mare.

Al soffio della tua ira si accumularono le acque, †
     si alzarono le onde come un argine, *
     si rappresero gli abissi in fondo al mare.

Il nemico aveva detto: «Inseguirò, raggiungerò, †
     spartirò il bottino, se ne sazierà la mia brama, *
     sfodererò la spada, li conquisterà la mia mano!».

Soffiasti con il tuo alito: li coprì il mare, *
     sprofondarono come piombo in acque profonde.

Chi è come te fra gli dèi, *
     chi è come te, maestoso in santità, Signore?
Chi è come te, tremendo nelle imprese, *
     operatore di prodigi?

Stendesti la destra: *
     li inghiottì la terra.
Guidasti con il tuo favore
          questo popolo che hai riscattato, *
     lo conducesti con forza alla tua santa dimora.

Lo fai entrare *
     e lo pianti sul monte della tua promessa,
luogo che per tua sede, Signore, hai preparato, *
     santuario che le tue mani, Signore, hanno fondato.

Il Signore regna *
     in eterno e per sempre!

Gloria.

Ant. 1   Come un argine si alzarono le onde, *
             si rappresero gli abissi in fondo al mare.

Salmo 77, 40-72

Bontà del Signore e infedeltà del popolo
nella storia della salvezza

Ora ciò avvenne come esempio per noi (1 Cor 10, 6).

IV (40-55)

Ant. 2   Dio fece dimorare nelle loro tende *
             le tribù di Israele.

Quante volte si ribellarono a Dio nel deserto, *
     lo contristarono in quelle solitudini!
Sempre di nuovo tentavano Dio, *
     esasperavano il Santo di Israele.

Non si ricordavano più della sua mano, *
     del giorno che li aveva liberati dall’oppressore,
quando operò in Egitto i suoi prodigi, *
     i suoi portenti nei campi di Tanis.

Egli mutò in sangue i loro fiumi *
     e i loro ruscelli, perché non bevessero.
Mandò tafàni a divorarli *
     e rane a molestarli.

Diede ai bruchi il loro raccolto, *
     alle locuste la loro fatica.
Distrusse con la grandine le loro vigne, *
     i loro sicomòri con la brina.

Consegnò alla grandine il loro bestiame, *
     ai fulmini i loro greggi.

Scatenò contro di essi la sua ira ardente, †
     la collera, lo sdegno, la tribolazione, *
     e inviò messaggeri di sventure.

Diede sfogo alla sua ira: †
     non li risparmiò dalla morte *
     e diede in preda alla peste la loro vita.

Colpì ogni primogenito in Egitto, *
     nelle tende di Cam la primizia del loro vigore.

Fece partire come gregge il suo popolo *
     e li guidò come branchi nel deserto.

Li condusse sicuri e senza paura *
     e i loro nemici li sommerse il mare.

Li fece salire al suo luogo santo, *
     al monte conquistato dalla sua destra.

Scacciò davanti a loro i popoli *
     e sulla loro eredità gettò la sorte,

facendo dimorare nelle loro tende *
     le tribù di Israele.

Gloria.

Ant. 2   Dio fece dimorare nelle loro tende *
             le tribù di Israele.

V (56-72)

Ant. 3   Egli scelse Davide suo servo *
             per pascere Israele sua eredità.

Ma ancora lo tentarono, †
     si ribellarono a Dio, l’Altissimo, *
     non obbedirono ai suoi comandi.

Sviati, lo tradirono come i loro padri, *
     fallirono come un arco allentato.

Lo provocarono con le loro alture *
     e con i loro idoli lo resero geloso.

Dio, all’udire, ne fu irritato *
     e respinse duramente Israele.
Abbandonò la dimora di Silo, *
     la tenda che abitava tra gli uomini.

Consegnò in schiavitù la sua forza, *
     la sua gloria in potere del nemico.
Diede il suo popolo in preda alla spada *
     e contro la sua eredità si accese d’ira.

Il fuoco divorò il fiore dei suoi giovani, *
     le sue vergini non ebbero canti nuziali.
I suoi sacerdoti caddero di spada *
     e le loro vedove non fecero lamento.

Ma poi il Signore si destò come da un sonno, *
     come un prode assopito dal vino.
Colpì alle spalle i suoi nemici, *
     inflisse loro una vergogna eterna.

Ripudiò le tende di Giuseppe, *
     non scelse la tribù di Èfraim;
ma elesse la tribù di Giuda, *
     il monte Sion che egli ama.

Costruì il suo tempio alto come il cielo *
     e come la terra stabile per sempre.
Egli scelse Davide suo servo *
     e lo trasse dagli ovili delle pecore.

Lo chiamò dal seguito delle pecore madri †
     per pascere Giacobbe suo popolo, *
     la sua eredità Israele.

Fu per loro pastore dal cuore integro *
     e li guidò con mano sapiente.

Gloria.

Ant. 3   Egli scelse Davide suo servo *
             per pascere Israele sua eredità.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

V   Tu sei benedetto, Signore.
R   Amen.


L   Benedicimi, Padre
V   Per Cristo, che è via e verità,
      la divina Maestà ci benedica.
R   Amen.

PRIMA LETTURA

Rt 3, 1-18

Dal libro di Rut

Promessa di Booz

Noemi, suocera di Rut, le disse: «Figlia mia, non devo io cercarti una sistemazione, così che tu sia felice? Ora Booz, con le cui giovani tu sei stata, non è nostro parente? Ecco, questa sera deve ventilare l’orzo sull’aia. Su dunque, profumati, avvolgiti nel tuo manto e scendi all’aia; ma non ti far riconoscere da lui, prima che egli abbia finito di mangiare e di bere. Quando andrà a dormire, osserva il luogo dove egli dorme; poi va’, alzagli la coperta dalla parte dei piedi e mettiti lì a giacere; ti dirà lui ciò che dovrai fare». Rut le rispose: «Farò quanto dici». Scese all’aia e fece quanto la suocera le aveva ordinato.
Booz mangiò, bevve, e aprì il cuore alla gioia; poi andò a dormire accanto al mucchio d’orzo. Allora essa venne pian piano, gli alzò la coperta dalla parte dei piedi e si coricò. Verso mezzanotte quell’uomo si svegliò con un brivido, si guardò attorno ed ecco una donna gli giaceva ai piedi. Le disse: «Chi sei?». Rispose: «Sono Rut, tua serva; stendi il lembo del tuo mantello sulla tua serva, perché tu hai il diritto di riscatto». Le disse: «Sii benedetta dal Signore figlia mia! Questo tuo secondo atto di bontà è migliore anche del primo, perché non sei andata in cerca di uomini giovani, poveri o ricchi. Ora non temere, figlia mia; io farò per te quanto dici, perché tutti i miei concittadini sanno che sei una donna virtuosa. Ora io sono tuo parente, ma ce n’è un altro che è parente più stretto di me. Passa qui la notte e domani mattina se quegli vorrà sposarti, va bene, ti prenda; ma se non gli piacerà, ti prenderò io, per la vita del Signore! Sta’ tranquilla fino al mattino». Rimase coricata ai suoi piedi fino alla mattina.
Poi Booz si alzò prima che un uomo possa distinguere un altro, perché diceva: «Nessuno sappia che questa donna è venuta sull’aia!». Poi aggiunse: «Apri il mantello che hai addosso e tienilo con le due mani». Essa lo tenne ed egli vi versò dentro sei misure d’orzo e glielo pose sulle spalle.
Rut rientrò in città e venne dalla suocera, che le disse: «Come è andata, figlia mia?». Essa le raccontò quanto quell’uomo aveva fatto per lei. Aggiunse: «Mi ha anche dato sei misure d’orzo, perché mi ha detto: Non devi tornare da tua suocera a mani vuote». Noemi disse: «Sta’ quieta, figlia mia, finché tu sappia come la cosa si concluderà; certo quest’uomo non si darà pace finché non abbia concluso oggi stesso questa faccenda».

RESPONSORIO

Cfr. Is 3, 1; Lc 1, 32

R   Ecco il Signore verrà.
           Sarà chiamato Figlio dell’Altissimo.

V   È il Salvatore annunziato dai profeti,
      è l’agnello predetto da Isaia.
           Sarà chiamato Figlio dell’Altissimo.


L   Benedicimi, Padre
V   La grazia dello Spirito santo
      illumini i nostri sensi e il nostro cuore.
R   Amen.

SECONDA LETTURA

Dai «Discorsi» del beato Isacco della Stella, abate

(Disc. 51: PL 194, 1862-1863. 1865)

Maria e la Chiesa

Il Figlio di Dio è il primogenito tra molti fratelli; essendo unico per natura, mediante la grazia si è associato molti, perché siano uno solo con lui. Infatti «a quanti l’hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio» (Gv 1, 12). Divenuto perciò figlio dell’uomo, ha fatto diventare figli di Dio molti. Se ne è dunque associati molti, lui che è unico nel suo amore e nel suo potere; ed essi, pur essendo molti per generazione carnale, sono con lui uno solo per generazione divina.
Il Cristo è unico, perché Capo e Corpo formano un tutt’uno. Il Cristo è unico perché è figlio di un unico Dio in cielo e di un’unica madre in terra.
Si hanno insieme molti figli e un solo figlio. Come infatti Capo e membra sono insieme un solo figlio e molti figli, così Maria e la Chiesa sono una sola e molte madri, una sola e molte vergini. Ambedue madri, ambedue vergini, ambedue concepiscono per opera dello Spirito santo senza concupiscenza, ambedue danno al Padre figli senza peccato. Maria senza alcun peccato ha generato al corpo il Capo, la Chiesa nella remissione di tutti i peccati ha partorito al Capo il corpo.
Tutt’e due sono madri di Cristo, ma nessuna delle due genera il tutto senza l’altra.
Perciò giustamente nelle Scritture divinamente ispirate quel ch’è detto in generale della vergine madre Chiesa, s’intende singolarmente della vergine madre Maria; e quel che si dice in modo speciale della vergine madre Maria, va riferito in generale alla vergine madre Chiesa; e quanto si dice d’una delle due, può essere inteso indifferentemente dell’una e dell’altra. Anche la singola anima fedele può essere considerata come sposa del Verbo di Dio, madre, figlia e sorella di Cristo, vergine e feconda.
Viene detto dunque in generale per la Chiesa, in modo speciale per Maria, in particolare anche per l’anima fedele, dalla stessa Sapienza di Dio che è il Verbo del Padre: Fra tutti questi cercai un luogo di riposo e nell’eredità del Signore mi stabilii (cfr. Sir 24, 12). Eredità del Signore in modo universale è la Chiesa, in modo speciale Maria, in modo particolare ogni anima fedele.
Nel tabernacolo del grembo di Maria Cristo dimorò nove mesi, nel tabernacolo della fede della Chiesa sino alla fine del mondo, nella conoscenza e nell’amore dell’anima fedele per l’eternità.

INNO

Gloria a Dio nell’alto dei cieli, *
     e pace in terra agli uomini di buona volontà.

Noi ti lodiamo, ti eleviamo un inno, *
     ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo.
Ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, *
     Signore Dio, Re del cielo.

Dio Padre onnipotente, *
     Gesù Cristo e Spirito santo.

Signore Dio, *
     Figlio del Padre.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, *
     accogli la nostra supplica.
Tu che siedi alla destra del Padre, *
     abbi pietà di noi.

Sii tu la nostra guida e il nostro aiuto; *
     salvaci, rendici puri, conservaci nella tua pace.
Liberaci dai nemici *
     e dalle tentazioni.

Perché tu solo il santo, *
     tu solo il Signore,
          tu solo l’Altissimo,
Gesù Cristo, *
     nella gloria di Dio Padre
          con lo Spirito santo.

Ogni giorno ti benediciamo, *
     e lodiamo il tuo nome per sempre.
Dégnati oggi, Signore, *
     di custodirci senza peccato.

Benedetto sei tu, Signore; *
     mostrami il tuo volere.
Vedi la mia miseria e la mia pena *
     e perdona tutti i miei peccati.

Dalle mie labbra fiorisca la lode, *
     la lode al nostro Dio.
Possa io vivere per lodarti: *
     mi aiutino i tuoi giudizi.

Come pecora smarrita vado errando; *
     cerca il tuo servo
          perché non ho dimenticato i tuoi comandamenti.

Presto ci venga incontro la tua misericordia, †
     perché siamo troppo infelici: *
     aiutaci, Dio, nostra salvezza.

Benedetto sei tu, Signore, Dio dei nostri padri, *
     degno di lode e di gloria nei secoli.   Amen.

ORAZIONE

Padre amatissimo,
che hai voluto predestinare
come speciale dimora del tuo Verbo sulla terra
il grembo della vergine Maria,
fa’ che nei nostri cuori, accesi della tua carità,
abiti sempre lo stesso tuo Figlio,
nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.


Quando l'Ufficio delle letture si recita nelle ore notturne o nelle prime del mattino, invece dell'orazione riportata si può sempre dire l'orazione seguente:

Allontana, o Dio, ogni tenebra
dal cuore dei tuoi servi
e dona alle nostre menti la tua luce.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.

CONCLUSIONE

V   Benediciamo il Signore.
R   Rendiamo grazie a Dio.



©