LUNEDI DELLA XXIX SETTIMANA DEL TEMPO PER ANNUM
ORA MEDIA - sesta
(ora sesta da recitare verso le ore 12)

V   O Dio, vieni a salvarmi.
R   Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria.

Alleluia.

INNO

O Dio glorioso, altissimo sovrano,
che i tempi diversi alternando,
orni di dolce chiarità il mattino
e l’infocato meriggio avvampi,

placa la furia delle discordie,
spegni il funesto ardore dell’odio,
dona alle membra sanità e vigore,
agli animi dona la pace.

Ascoltaci, Padre pietoso,
per Gesù Cristo Signore,
che nello Spirito santo
vive e governa nei secoli.   Amen.

SALMODIA

Salmo 18 B

Lode a Dio, Signore della legge

Siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro che è nei cieli (Mt 5, 48).

Ant. 1   I comandi del Signore sono più preziosi *
             dell’oro e delle gemme.

La legge del Signore è perfetta, *
     rinfranca l’anima;
la testimonianza del Signore è verace, *
     rende saggio il semplice.

Gli ordini del Signore sono giusti, *
     fanno gioire il cuore;
i comandi del Signore sono limpidi, *
     danno luce agli occhi.

Il timore del Signore è puro, dura sempre; *
     i giudizi del Signore sono tutti fedeli e giusti,
più preziosi dell’oro, di molto oro fino, *
     più dolci del miele e di un favo stillante.

Anche il tuo servo in essi è istruito, *
     per chi li osserva è grande il profitto.
Le inavvertenze chi le discerne? *
     Assolvimi dalle colpe che non vedo.

Anche dall’orgoglio salva il tuo servo *
     perché su di me non abbia potere;
allora sarò irreprensibile, *
     sarò puro dal grande peccato.

Ti siano gradite *
     le parole della mia bocca,
davanti a te i pensieri del mio cuore, *
     Signore, mia rupe e mio redentore.

Gloria.

Ant. 1   I comandi del Signore sono più preziosi *
             dell’oro e delle gemme.

Salmo 7

Preghiera di un giusto calunniato

Ecco il giudice è alle porte (Gc 5, 9).

I (1-10)

Ant. 2   In te mi rifugio, *
             salvami, Signore mio Dio.

Signore, mio Dio, in te mi rifugio: *
     salvami e liberami da chi mi perseguita,
perché non mi sbrani come un leone, *
     non mi sbrani senza che alcuno mi salvi.

Signore mio Dio, se così ho agito: *
     se c’è iniquità sulle mie mani,
se ho ripagato il mio amico con il male, *
     se a torto ho spogliato i miei avversari,

il nemico m’insegua e mi raggiunga, †
     calpesti a terra la mia vita *
     e trascini nella polvere il mio onore.

Sorgi, Signore, nel tuo sdegno, †
     levati contro il furore dei nemici, *
     alzati per il giudizio che hai stabilito.

L’assemblea dei popoli ti circondi: *
     dall’alto volgiti contro di essa.

Il Signore decide la causa dei popoli: †
     giudicami, Signore, secondo la mia giustizia, *
     secondo la mia innocenza, o Altissimo.

Poni fine al male degli empi; †
     rafforza l’uomo retto, *
     tu che provi mente e cuore, Dio giusto.

Gloria.

Ant. 2   In te mi rifugio, *
             salvami, Signore mio Dio.

II (11-18)

Ant. 3   Dio è giudice giusto; *
             salva chi gli è fedele.

La mia difesa è nel Signore, *
     egli salva i retti di cuore.
Dio è giudice giusto, *
     ogni giorno si accende il suo sdegno.

Non torna forse ad affilare la spada, *
     a tendere e puntare il suo arco?
Si prepara strumenti di morte, *
     arroventa le sue frecce.

Ecco, l’empio produce ingiustizia, *
     concepisce malizia, partorisce menzogna.
Egli scava un pozzo profondo *
     e cade nella fossa che ha fatto;

la sua malizia ricade sul suo capo, *
     la sua violenza gli piomba sulla testa.
Loderò il Signore per la sua giustizia *
     e canterò il nome di Dio, l’Altissimo.

Gloria.

Ant. 3   Dio è giudice giusto; *
             salva chi gli è fedele.

Alle altre Ore salmodia complementare.
LETTURA BREVE

Lv 20, 26

Sarete santi per me, poiché io, il Signore, sono santo e vi ho separato dagli altri popoli, perché siete miei.

R   Non tornerai tu forse, o Dio, a darci la vita?
      Non tornerai tu forse, o Dio, a darci la vita *
           perché in te gioisca il tuo popolo?

V   Mostraci, Signore, la tua misericordia.
      Perché in te gioisca il tuo popolo.
      Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito santo.
      Non tornerai tu forse, o Dio, a darci la vita *
           perché in te gioisca il tuo popolo?

ORAZIONE

Nell’amore di Gesù, tuo Figlio,
risani, o Dio, le piaghe del peccato
e nel vigore dello Spirito
rianimi la nostra debolezza;
quando si compirà il tuo disegno
e trepidi staremo al tuo cospetto,
apri ai tuoi servi fedeli le porte del convito eterno.
Per Cristo nostro Signore.

CONCLUSIONE

V   Benediciamo il Signore.

R   Rendiamo grazie a Dio.

©